ANAIP | Associazione Nazionale Amministratori Immobiliari Professionisti

Personalità giuridica del condominio – effetti per il condòmino

Personalità Giuridica Condominio Avv. Federico Mazzetti

Personalità giuridica del condominio – assenza – effetti per il condòmino

Il Condominio non ha personalità giuridica e pertanto il suo amministratore, nominato con delibera assembleare o con nomina giudiziaria, rappresenta in giudizio la collettività dei singoli diritti e quindi degli interessi di tutto il condominio.
Proprio per l’assenza della personalità giuridica, quando l’amministratore partecipa ad una causa per il condominio non si esclude né sopprime il diritto del singolo condòmino di partecipare individualmente alla stessa causa. Infatti la Corte di Cassazione, con sentenza a sezioni unite, n. 10934 del 18.04.2019, ha confermato che nelle controversie condominiali che riguardano i diritti dei singoli condòmini sulle parti comuni, ogni e ciascun condòmino ha un autonomo potere individuale con quello dell’amministratore di agire e resistere per la tutela dei diritti relativi alla sua quota di proprietà.
Tanto ciò è vero che la Corte di Cassazione chiarisce che è addirittura ammissibile che il singolo condòmino possa svolgere un ricorso autonomo in sede di legittimità (cioè in giudizio di Cassazione) anche senza avere partecipato alla cause di primo o secondo grado.
Lo spunto che ci propone la Corte è interessante per ribadire -indirettamente- la natura del condominio e la relazione che lega i singoli condomini e soprattutto il potere concorrente di ogni condòmino di agire in giudizio per la difesa dei propri diritti reali (sui beni immobili) limitatamente alla quota millesimale di competenza anche se in presenza in causa dell’amministratore dello stesso condominio di appartenenza.

Approfondimenti

Lascia un commento