ANAIP | Associazione Nazionale Amministratori Immobiliari Professionisti

Sorveglianza sanitaria e formazione dei lavoratori nel condominio

Sorveglianza Sanitaria Condominio

Sorveglianza sanitaria e formazione: a chi spettano gli oneri della sicurezza dei lavoratori distaccati a lavorare nei condomini?
Sempre più spesso nei condomini si decide di sostituire il portiere con dei lavoratori dipendenti di imprese esterne, credendo che tutti gli obblighi previsti dal D.Lgs 81/08 ricadano sul datore di lavoro distaccante.
Con questa scelta il condomino medio crede di poter risparmiare economicamente molti soldi e di poter cambiare agevolmente il lavoratore ogni qual volta non soddisfi più i requisiti richiesti dai condomini, ovviamente, ignorando tutta una serie di costi conseguenziali.
In effetti come chiarito nella risposta all’ interpello N. 8/2016 alla Commissione per gli Interpelli del Ministero del Lavoro, il distacco di lavoratori presso un altro datore di lavoro lascia, in modo differenziato, responsabili entrambi i Datori di Lavoro.
Omissis… “In caso di distacco dei lavoratori gli obblighi in materia di salute e di sicurezza sul lavoro incombono, in modo differenziato, sia sul datore di lavoro che ha disposto il distacco che sul beneficiario della prestazione (distaccatario). Sulla base della normativa indicata in premessa, sul primo grava l’obbligo di informare e formare il lavoratore sui rischi tipici generalmente connessi allo svolgimento delle mansioni per le quali egli viene distaccato. Al secondo (distaccatario) spetta invece l’onere, a norma del medesimo articolo, di ottemperare a tutti gli altri obblighi in materia di salute e sicurezza sul lavoro inclusa, quindi, la sorveglianza sanitaria.”
Se prendiamo ad esempio il dipendente dell’impresa di pulizie che viene distaccato presso il condominio per svolgere mansioni del portiere e del pulitore, resteranno a carico dell’impresa tutti i costi inerenti l’obbligo di informare e formare il lavoratore sui rischi tipici generalmente connessi allo svolgimento delle mansioni per le quali egli viene distaccato, mentre restano a capo del condominio tutti gli obblighi ed i costi in materia di salute e sicurezza sul lavoro inclusa la sorveglianza sanitaria
Ovviamente tali obblighi si applicano a tutte le tipologie di lavoratori tipici del condominio quali manutentori, giardinieri, pulitori, ecc.
Alla luce di quanto sopra, la scelta di molte assemblee condominiali in merito al licenziamento del dipendente per avvalersi di lavoratori esterni, non sempre risulta economicamente la scelta più vantaggiosa in quanto comunque molti oneri della sicurezza ricadono sempre sul condominio.
Infatti ogni qual volta si decida di sostituire un lavoratore, il nuovo sostituto andrà nuovamente formato ed informato sui rischi specifichi della mansione e del condomino, oltre a dover intraprendere nuovamente tutto l’iter per la sorveglianza sanitaria.

Approfondimenti